salta navigazione

Trentino Sociale.it - I servizi sociali in Trentino
Provincia Autonoma di Trento
carattere » riduci carattere ripristina dimensione iniziale carattere aumenta carattere
Sei qui: Home > Servizi alle organizzazioni > Guida ai servizi > Volontariato > RUNTS - REGISTRO UNICO NAZIONALE DEL TERZO SETTORE

RUNTS - REGISTRO UNICO NAZIONALE DEL TERZO SETTORE

DI COSA SI TRATTA

Istituito nell’ambito della riforma del Terzo Settore, come una delle sue novità più importanti, il Registro unico nazionale del Terzo settore (RUNTS) ha come obiettivo primario il superamento dell’attuale sistema di registrazione degli enti, caratterizzato da una molteplicità di registri. Sarà ora direttamente il Ministero del lavoro e delle politiche sociali a predisporre a livello nazionale un unico portale di registrazione (attualmente in fase di collaudo) dedicato agli Enti del Terzo Settore (ETS), che sarà gestito a livello territoriale da appositi Uffici incaricati.

CONTESTO NORMATIVO

Il decreto legislativo n. 117 del 03 luglio 2017 (Codice del Terzo Settore) ha istituito il Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) e ha previsto che la gestione operativa dello stesso venga svolta a livello territoriale, con modalità informatiche uniformi, attraverso una piattaforma ministeriale dedicata.

Il D.M. 15 settembre 2020 del Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali ha quindi definito nel dettaglio le procedure di iscrizione degli enti, le modalità di deposito delle atti, le regole per la predisposizione, la tenuta, la conservazione del RUNTS.

Con delibera provinciale del 26 febbraio 2021 n. 278 è stato, quindi, istituito l’Ufficio provinciale del Registro unico nazionale del Terzo settore. All’Ufficio compete la gestione del RUNTS ed il popolamento iniziale tramite la trasmigrazione degli enti attualmente iscritti nell’albo provinciale delle organizzazioni di volontariato e nel registro provinciale delle associazioni di promozione sociale. Curerà le iscrizioni e le cancellazioni di enti, con o senza personalità giuridica, nelle sezioni di cui è composto il RUNTS, occupandosi inoltre dell’aggiornamento e della modifica dei dati contenuti nello stesso.

COME FUNZIONA

Le sezioni del RUNTS corrispondono alle categorie nelle quali gli enti del terzo settore potranno scegliere di collocarsi:

1) organizzazioni di volontariato (ODV)

2) associazioni di promozione sociale (APS)

3) enti filantropici

4) imprese sociali (incluse le cooperative sociali)

5) reti associative

6) società di mutuo soccorso

7) altri enti del Terzo settore (sezione residuale)

Sono previste procedure d’iscrizione diverse, a seconda che si tratti di enti già iscritti nei registri provinciali oppure di enti non iscritti.

Al momento i registri provinciali sono ancora in funzione e lo saranno fino alla data di operatività del RUNTS.

Cosa succede agli enti già iscritti nei registri provinciali?

Per questi enti è prevista la trasmigrazione automatica dei dati nel Runts entro i 90 giorni successivi alla data di operatività del RUNTS. Il giorno di tale operatività del RUNTS verrà stabilita con decreto. L'Ufficio RUNTS trasferirà telematicamente copia dell’atto costitutivo e dello statuto, che dovrà essere modificato e adeguato alla normativa contenuta nel Codice del Terzo Settore (D.Lgs. n.117 del 3 luglio 2017).

Cosa succede agli enti con richieste di iscrizione ancora in essere?

Per quanto riguarda i procedimenti di iscrizione o di cancellazione pendenti, attinenti ai registri provinciali alla data antecedente il termine di operatività del RUNTS, i dati obbligatori saranno comunicati telematicamente al RUNTS in caso di esito favorevole degli stessi.

Ai fini della la trasmigrazione, l’Ufficio RUNTS avrà bisogno dei seguenti dati obbligatori, che verranno caricati sul portale:

- codice fiscale associazione

- denominazione dell’ente

- contatto telefonico (sceglierne solo uno, preferibilmente riferibile all'associazione)

- comune della sede legale

- nome e cognome del legale rappresentante

- codice fiscale del legale rappresentante

I suddetti dati obbligatori saranno richiesti alle Associazioni, al fine di rendere più completo ed aggiornato il processo di trasmigrazione.

Trascorsi i 90 giorni, l’Ufficio RUNTS procederà con la fase di istruttoria al fine di verificare il possesso da parte dell’ente dei requisiti previsti nel Codice del Terzo Settore. A tale scopo, lo statuto dovrà essere conforme alla normativa prevista da quest’ultimo.

Conclusa l’istruttoria, l’Ufficio RUNTS adotterà apposito provvedimento di iscrizione (redatto nel formato pdf/A) oppure di cancellazione, che verrà firmato digitalmente dal responsabile e inviato telematicamente all’indirizzo PEC dell’ente.

Cosa devono fare gli enti già iscritti nei registri provinciali?

Gli enti già iscritti ai registri provinciali non dovranno presentare domanda di iscrizione al RUNTS, ma saranno trasmigrati automaticamente, una volta ricevuti i dati completi e aggiornati.

Nell’ipotesi in cui non fosse interesse dell’ente trasmigrare nel RUNTS, l’ente dovrà richiedere la cancellazione dai registri provinciali, inviando comunicazione alla PEC dell’Ufficio RUNTS competente.

E gli enti attualmente non iscritti nei registri provinciali?

Per poter procedere con l’invio della domanda di iscrizione al RUNTS l’ente dovrà necessariamente essere in possesso di un indirizzo PEC riferibile direttamente all’ente, che sarà poi utilizzato per le future comunicazioni.

La procedura di iscrizione al RUNTS prevede i seguenti passaggi:

  1. l’ente deve innanzitutto accreditarsi alla piattaforma informatica del RUNTS (PEC, SPID, firma digitale);
  2. per procedere con la richiesta di iscrizione, l’ente, dopo aver effettuato l’accesso al portale, utilizza l’apposita funzione per la compilazione della domanda attraverso maschere predefinite. L’ente potrà richiedere di essere iscritto in una delle sezioni del RUNTS (di cui sopra): i documenti da allegare dovranno essere in formato pdf non modificabile (pdf/A), correlati dalla dichiarazione di conformità all’originale e “indicizzati”, cioè per ogni allegato dovrà essere specificato il tipo di documento, la data e una descrizione;
  3. il sistema genererà una distinta della pratica, contenente tutti i dati inseriti dall’ente;
  4. una volta verificata la correttezza, la distinta dovrà essere scaricata, sottoscritta digitalmente e nuovamente caricata sulla piattaforma;
  5. a questo punto si potrà procedere con l’invio dell’istanza di iscrizione. Il sistema provvederà ad effettuare automaticamente alcuni controlli formali sull’istanza (quali, ad esempio, la corrispondenza tra il soggetto autenticato e il legale rappresentante dell’ente, la congruenza delle informazioni inserite, la correttezza formale dei file informativi allegati, la validità della firma digitale) e, in caso di mancato superamento anche di un solo controllo, non sarà possibile procedere con l’invio;
  6. superati i controlli formali, l’istanza verrà inviata dall’ente e il portale la renderà visibile all’Ufficio RUNTS competente, il quale registrerà le informazioni, dando poi inizio alla fase di istruttoria;
  7. in caso di necessità di chiarimenti o integrazioni, l’Ufficio RUNTS competente provvederà a richiederli tramite il portale e l’ente dovrà fornirli sempre telematicamente;
  8. conclusa positivamente l’istruttoria, l’Ufficio RUNTS adotterà apposito provvedimento di iscrizione (redatto nel formato pdf/A), che verrà firmato digitalmente dal responsabile e inviato telematicamente all’indirizzo PEC dell’ente.

Per ulteriori approfondimenti

TEMPISTICHE DI REALIZZAZIONE

Per quanto riguarda il processo di trasmigrazione dati dai vecchi registri provinciali al Registro unico nazionale, la data di partenza sarà comunicata dal Ministero del lavoro e delle Politiche Sociali con apposito provvedimento. Indicativamente entro l’estate 2021.

Ai fini della trasmigrazione, le Regioni e Province Autonome si stanno in questo periodo attivando per aggiornare i dati in loro possesso (tramite piattaforme intermedie aggiornabili direttamente dagli ETS o richieste dirette agli stessi).

La Provincia di Trento ha previsto di contattare le associazioni, inviando loro una tabella editabile da restituire compilata, riportante la versione aggiornata dei dati obbligatori per il processo.

ISTRUZIONI PER L’USO: cose pratiche da sapere

MODIFICA DELLO STATUTO

Per gli enti del Terzo settore che decidano di adeguare i propri statuti alle prescrizioni del codice del Terzo settore è prevista una nuova proroga di un anno con le maggioranze semplificate. La scadenza precedentemente fissata al 31 maggio 2021 dal dl Sostegni per le organizzazioni di volontariato (Odv), le associazioni di promozione sociale (Aps) e le Onlus iscritte nei rispettivi registri (e costituite prima del 3 agosto 2017) viene ulteriormente prorogata al 31 maggio 2022 (art. 66).

La proroga è stata sancita dal cosiddetto decreto legge “Semplificazioni” (dl n. 77 del 31 maggio 2021), che fornisce indicazioni su “Governance del Piano nazionale di rilancio e resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure”.

Qui un focus dedicato e ulteriori informazioni utili sulle procedure di modifica.

In ogni caso, in particolare per ODV e APS iscritte ai registri provinciali l’invito rimane quello di procedere con gli adeguamenti nel più breve tempo possibile, in vista dell’avvio del Registro unico nazionale del Terzo settore, che potrebbe avvenire entro l’estate. Le tempistiche concesse dagli uffici del registro per trasmettere documenti o statuti adeguati in fase di trasmigrazione rimangono infatti invariate (90 giorni). Lo slittamento del termine è pensato quindi per facilitare gli enti che dovessero apportare modifiche allo statuto a seguito dei controlli da parte degli uffici del RUNTS.

PEC- IDENTITÀ DIGITALE (SPID/CNS) - FIRMA DIGITALE

Le istanze presentate all’Ufficio RUNTS, dovranno necessariamente procedere in modalità telematica, tramite la piattaforma ministeriale preposta. A tale scopo, tutte le Associazioni (iscritte e non ancora iscritte) dovranno munirsi necessariamente di:

  • un indirizzo PEC riferibile direttamente all’ente (e non alla persona fisica);
  • identità digitale SPID, di almeno 2° livello, o CNS (Carta Nazionale dei Servizi) del legale rappresentante dell’ente e/o suo delegato;
  • firma digitale del legale rappresentante dell’ente e/o suo delegato;

Nota: Ogni ente che si voglia iscrivere con il proprio Codice Fiscale, indipendentemente se associato o meno ad altro ente di livello superiore, deve avere la propria PEC (che sia pertanto a lui riferibile, non è possibile usare la PEC di altri per le comunicazioni).

- Un ETS non associato ad uno di livello superiore, quando dovrà registrare delle pratiche per la propria posizione le dovrà sottoscrivere con firma digitale del legale rappresentante dell'Ente;

- Un ETS associato ad uno di livello superiore ha due strade fra cui scegliere per portare avanti le sue pratiche: 1) in autonomia, con propria firma digitale; 2) potrà essere l'ETS associante a farle per esso e in tal caso le pratiche saranno firmate digitalmente dal legale rappresentante dell'Ente associante.

NEWS E AGGIORNAMENTI

Passaggio di competenze - gestione contributi a copertura degli oneri assicurativi (10/09/2021)

DATI PER TRASMIGRAZIONE – ALCUNE PRECISAZIONI (22.07.2021)

Comunicato Stampa (02.07.2021)

LINK UTILI

CSV Trentino
Cantiere Terzo Settore
Associazione Terzjus

CONTATTI

UFFICIO PROVINCIALE REGISTRO UNICO DEL TERZO SETTORE

TELEFONO - +39 0461 494035
PEC - runts@pec.provincia.tn.it
E-MAIL - runts@provincia.tn.it

PERSONALE INCARICATO

Sostituto Direttore Ufficio - dott.ssa Elisabetta Ambrogetti: elisabetta.ambrogetti@provincia.tn.it

Funzionario area giuridica - dott.ssa Angela Bonvecchio: angela.bonvecchio@provincia.tn.it
Funzionario area economica - dott. Nicola Bortolotti: nicola.bortolotti@provincia.tn.it
Funzionario area sociale - dott.ssa Valentina Gonzales: valentina.gonzales@provincia.tn.it

Si specifica che gli indirizzi e-mail indicati serviranno solamente per la richiesta di informazioni e non per trasmettere statuti, documenti o altro, per i quali sarà necessario utilizzare il portale ministeriale dedicato.

Per invio domande di iscrizione/cancellazione nei registri provinciali, invio statuti, etc. utilizzare runts@pec.provincia.tn.it

MODULISTICA TRASMIGRAZIONE

In questa sezione è possibile scaricare la documentazione relativa all'aggiornamento dati ai fini della trasmigrazione:

RUNTS _Lettera richiesta dati associazioni.pdf (181,58 kB)

INFORMATIVA_Runts.docx.pdf (72,86 kB)

Allegato A_TABELLA (editabile da compilare).odt (19,06 kB)

credits | copyright e policy Provincia autonoma di Trento - Servizio politiche sociali 38121 TRENTO (Italy) - Via Gilli, 4 - Centro Nord Tre - tel. +39 0461 493800 - fax 0461 +39 0461 3801 pec: serv.politichesociali@pec.provincia.tn.it C.F. e P.IVA 00337460224