salta navigazione

Trentino Sociale.it - I servizi sociali in Trentino
Provincia Autonoma di Trento
carattere » riduci carattere ripristina dimensione iniziale carattere aumenta carattere
Sei qui: Home > Servizi alle organizzazioni > Guida ai servizi > Volontariato > ENTRO IL 2 AGOSTO 2019: per le Organizzazioni di Volontariato e Associazioni di promozione sociale iscritte nei rispettivi Albi/Registri Modifiche degli statuti per adeguarli alle nuove disposizioni del Codice del Terzo settore

ENTRO IL 2 AGOSTO 2019: per le Organizzazioni di Volontariato e Associazioni di promozione sociale iscritte nei rispettivi Albi/Registri Modifiche degli statuti per adeguarli alle nuove disposizioni del Codice del Terzo settore

Su "ENTRO IL 2 AGOSTO 2019: per le Organizzazioni di Volontariato e Associazioni di promozione sociale iscritte nei rispettivi Albi/Registri Modifiche degli statuti per adeguarli alle nuove disposizioni del Codice del Terzo settore" vedi anche

Normative

Codice del Terzo settore |
Circolare Ministero del lavoro e delle politiche sociali n. 20 del 27 dicembre 2018 |
ENTRO IL 2 AGOSTO 2019: per le Organizzazioni di Volontariato e Associazioni di promozione sociale iscritte nei rispettivi Albi/Registri  Modifiche degli statuti per adeguarli alle nuove disposizioni del Codice del Terzo settore

Il termine per adeguarsi alle previsioni del Codice del Terzo settore (in breve CTS)

L’art. 101 comma 2 del D.LGS. 117/2017, a seguito della modifica intervenuta con il decreto correttivo (D.LGS. 105 del 2018) ha prolungato il termine relativo all’obbligo per le organizzazioni di volontariato, le associazioni di promozione sociale e le ONLUS di opzione iscritte nei relativi registri di modificare i loro statuti per adeguarli alle nuove disposizioni, portandolo da 18 a 24 mesi dalla data di entrata in vigore del Codice: la nuova scadenza è fissata per il 2 agosto 2019.

In materia è intervenuta, con intento chiarificatore, la Circolare del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali n. 20 del 27 dicembre 2018:

La Circolare, prendendo spunto dalle modifiche introdotte dal D.LGS. 105 del 3 agosto 2018 all’art. 101 comma 2, affronta la disciplina degli adeguamenti statutari, configurando tre tipologie di norme del Codice del terzo Settore, suscettibili di formare oggetto di adeguamento statutario:

a) norme inderogabili (o obbligatorie):

Un esempio è l’individuazione delle attività di interesse generale che l’ente svolge (o intenderà svolgere), che devono essere scelte dall’elenco di cui all’art. 5 comma 1 del CTS. e quindi vanno enucleate nello statuto in maniera molto precisa e puntuale. E’ comunque opportuno, individuare puntualmente anche le azioni pratiche e concrete attraverso le quali vengono realizzate le attività di interesse generale e perseguite le finalità.

Altro esempio è la previsione del divieto di distribuzione degli utili di cui all’art. 8 comma 2 del CTS.

b) norme derogabili solo attraverso previsione statutaria (tali norme sono di regola individuabili per la formula “se l’atto costitutivo o lo statuto non dispongono diversamente”): in tal caso, se lo statuto non dispone diversamente o non dispone nulla in merito, vale quanto previsto dal CTS.

Un esempio è il procedimento di ammissione degli associati, disciplinato dall’art. 23 CTS, in cui il comma 1 assegna al Consiglio Direttivo la competenza a deliberare sull’ammissione, a meno che l’atto costitutivo o lo statuto non dispongano diversamente (quindi lo statuto potrebbe affidare ad altro organo sociale la competenza a deliberare sull’ammissione). Altro esempio di previsione derogatoria è quella relativa al diritto di voto dei neoassociati iscritti da almeno tre mesi nel libro degli associati (lo statuto può prevedere periodi inferiori a tre mesi, ma non maggiori di tre mesi).

c) norme che attribuiscono all’autonomia statutaria mere facoltà, sono cioè disposizioni facoltative (tali norme sono di regola individuabili per la formula “l’atto costitutivo o lo statuto possono….” oppure per la formula “se l’atto costitutivo o lo statuto lo consentono...”).

Un esempio è rappresentato dall’art. 24 comma 2 del CTS, il quale ammette la possibilità di intervenire in assemblea mediante mezzi di telecomunicazione, laddove previsto in statuto. Altro esempio è dato dall’art. 32 comma 2 laddove è prevista per le ODV la possibilità di prevedere l’ammissione come associati di altri enti del Terzo settore o senza scopo di lucro.

Nei casi previsti alle lettera a) e b) è possibile utilizzare la procedura semplificata o alleggerita (cioè convocazione dell’assemblea ordinaria), nel caso sub c) si deve necessariamente procedere con assemblea straordinaria.

Risulta in ogni caso evidente che al di là delle modifiche statutarie richieste, è necessario che ogni ODV/APS si interroghi anche sull’opportunità/possibilità/impossibilità di rimanere nei rispettivi albi/registri o di cambiare la propria tipologia alla luce del mutato quadro normativo delineato dal CTS. Le attività di interesse generale svolte da ODV ed APS sono le medesime, ma cambiano le modalità di realizzazione, i destinatari, il calcolo della prevalenza del volontariato (oltre al regime fiscale).

Le modifiche da apportare agli statuti e le agevolazioni previste

Le ODV e le APS iscritte nei rispettivi registri (albo del volontariato e registro delle associazioni di promozione sociale), possono utilizzare le maggioranze previste per l’assemblea ordinaria qualora:

1) adeguino i rispettivi statuti alla nuove disposizioni inderogabili (“modifiche obbligatorie”); oppure

2) vi introducano clausole “che escludono l’applicazione di nuove disposizioni derogabili mediante specifica clausola statutaria” (“modifiche derogatorie”).

3) le modifiche statutarie sub 1 e/o 2 vengano adottate entro il termine del 2 agosto.

Dovranno invece essere fatte per assemblea straordinaria le modifiche che prevedono disposizioni facoltative. Se quindi un’associazione modifica lo statuto sia per adeguarlo alle norme inderogabili che inserendo norme derogabili, ed inserisce disposizioni facoltative, dovrà procedere necessariamente per via straordinaria.

La registrazione del nuovo statuto presso l’Agenzia delle Entrate godrà:

- per le ODV: esenzione dall’imposta di bollo (art. 82 comma 5 D.LGS. 117/2017) e dall’imposta di registro (ex art. 82 comma 3), sia che si tratti di modifiche adottate in assemblea ordinaria che straordinaria;

- per le APS: esenzione dall’imposta di bollo (ex art. 82 comma 5 D.LGS. 117/2017) sia che si tratti di modifiche adottate in assemblea ordinaria che straordinaria; per quanto riguarda l’imposta di registro, l’esenzione vi è solo per le modifiche statutarie necessarie per adeguarsi alla Riforma (cioè per quelle di carattere obbligatorio e derogatorio)

I suggerimenti della Provincia Autonoma di Trento (Ufficio Qualità dei Servizi)

Considerando la complessità della materia - con specifico riferimento alla distinzione tra modifiche per le quali è possibile utilizzare l’assemblea ordinaria (norme inderogabili e norme derogabili) e quelle per le quali è obbligatorio utilizzare l’assemblea straordinaria (disposizioni facoltative) e considerando che la modifica di uno statuto è spesso l’occasione per migliorare/modificare elementi che vanno nel senso di stare al passo con i tempi e/o con la realtà associativa mutata negli anni, si suggerisce, laddove possibile (dove cioè le maggioranze previste nell’attuale statuto possano essere verosimilmente raggiunte, eventualmente anche con lo strumento della delega) – a maggiore tutela delle associazioni - di modificare gli statuti attraverso l’utilizzo dell’assemblea straordinaria.

Ci sono infatti modifiche (per esempio la modifica della denominazione sociale, la modifica dell’indirizzo, del numero di consiglieri, il numero di deleghe concesse al socio in assemblea, la soppressione di una previsione statutaria) che vengono effettuate perché sono cambiati dei dati fattuali (l’indirizzo non è più quello) o dati che esprimono l’associazione (il nome che non rappresenta più l’associazione) o dati superati (un organo che non si ritiene più necessario, V. Collegio dei Probiviri) o perché l’associazione ha deciso di modificare qualcosa e magari nel momento della convocazione dell’assemblea ancora non ci si pensava. Anche in questo caso siamo di fronte a disposizioni facoltative, che necessitano di assemblea straordinaria: effettuarle con quella ordinaria potrebbe inficiarne la validità. Ed è evidente che, nel momento in cui modifico uno statuto, perché sono obbligato a farlo, coglierò (eventualmente) occasione per un restyling complessivo del documento che sta alla base della mia associazione (lo statuto appunto).

Tale suggerimento è condiviso anche da Non profit Network – CSV Trentino (in breve CSV Trentino), proprio a maggiore tutela delle associazioni.

Gli strumenti a disposizione delle associazioni

Le ODV e le APS iscritte avranno a disposizione:

- modelli di statuto: essi, liberamente scaricabili dal seguente link http://www.volontariatotrentino.it/terzo_settore,

- corsi di accompagnamento alla modifica degli statuti: verranno proposti sia a Trento che a Rovereto dei corsi di accompagnamento alla redazione degli statuti, corsi di due giorni ripetuti per sei edizioni, come da programma allegato.

Programma del corso.pdf (329,74 kB)

- consulenza fornita ai sensi dell’art. 63 del D.Lgs. 117/2017 – da CSV Trentino (sede di Trento, via Lunelli, 4 tel 0461/916604)

Adempimenti nei confronti della Provincia Autonoma di Trento – Ufficio Qualità dei Servizi (dal 1° aprile 2019 denominato Ufficio accreditamento, affidamento e relazione con il terzo settore)

Una volta effettuate le modifiche statutarie per adeguarsi alle previsioni del Codice del Terzo settore, le ODV e le APS rispettivamente iscritte nell’albo e nel registro sono tenute a produrre entro 30 (trenta) giorni dalla deliberazione assembleare:

- copia del verbale dell’assemblea di modifica statutaria, sottoscritto dal presidente dell’assemblea e dal segretario verbalizzante;

- copia dello statuto modificato.

Il mancato adeguamento entro la data del 2 agosto 2019

Pur non prevedendo il CTS una sanzione espressa per il mancato adeguamento entro il termine indicato, la dottrina prevalente e gli esperti del Terzo settore a livello nazionale sono d’accordo nel ritenere che la violazione del suddetto termine per effettuare le modifiche richieste produrrà, come conseguenza, la possibilità di cancellazione dell’associazione dal registro di riferimento, e come conseguenza, la mancata iscrizione nel futuro Registro Unico Nazionale Terzo settore (RUNTS).

Per eventuali chiarimenti potete contattare l’Ufficio competente ai numeri 0461/492734-492749.

A chi posso rivolgermi?

Per sapere a chi puoi rivolgerti per avere ulteriori informazioni e/o richiedere l'attivazione del servizio, seleziona sulla cartina o nel menù a tendina la tua zona di residenza e fai click sul pulsante "Cerca"

cartina comunita di valle Paganella Giudicarie Val di Sole Cembra Rovereto Trento Aldeno Rotaliana KonigsbergCimone Alto Garda e Ledro Vallagarina Garniga Valle dei Laghi Alta Valsugana e Bernstol Altopiani Cimbri Val di Non Valle di Fiemme Bassa Valsugana Primiero General de Fascia

(ultimo aggiornamento: 05/04/2019)

credits | copyright e policy Provincia autonoma di Trento - Servizio politiche sociali 38121 TRENTO (Italy) - Via Gilli, 4 - Centro Nord Tre - tel. +39 0461 493800 - fax 0461 +39 0461 3801 pec: serv.politichesociali@pec.provincia.tn.it C.F. e P.IVA 00337460224