salta navigazione

Trentino Sociale.it - I servizi sociali in Trentino
Provincia Autonoma di Trento
carattere » riduci carattere ripristina dimensione iniziale carattere aumenta carattere
Sei qui: Home > Servizi ai cittadini > Guida ai servizi > Ascolto e sostegno > Tutela donne vittime di violenza

Tutela donne vittime di violenza

Su "Tutela donne vittime di violenza" vedi anche

News

Rafforzata la campagna contro la violenza sulle donne
Violenza sulle donne: pubblicazione
Campagna d'informazione "Non avere paura"
Violenza sulle donne: adottate le linee guida
Violenza di genere: oggi sottoscritto il protocollo
Interventi di inserimento lavorativo per le donne vittime di violenza
Violenza di genere: approvato il protocollo per la prevenzione e il contrasto
Violenza sulle donne: un costo economico, sociale e umano di 17 miliardi

Documenti/Pubblicazioni

I numeri della violenza - Anno 2011
I numeri della violenza - Anno 2012
Report_2019 azioni e interventi per le donne vittime di violenza
Linee guida per il contrasto della violenza sulle donne
La violenza e i maltrattamenti contro le donne dentro e fuori la famiglia
I numeri della violenza - Anno 2013
I numeri della violenza - Anno 2010

Normative

Legge 23 aprile 2009 n. 38 |
Criteri e condizioni di accesso al Fondo di solidarietà |
Deliberazione GP n. 685_2014 |
Legge provinciale 9 marzo 2010, n. 6 |
Legge provinciale 27 luglio 2007 n. 13 |
delibera GP n. 1072_2013 |

Link

IRIS - Rete contro la violenza sulle donne (video)
Presidenza Consiglio dei Ministri - Dipartimento per le pari opportunità
Transcrime - Pubblicazione "Violenze e maltrattamenti in famiglia: problemi e rimedi possibili"
Pari opportunità - Provincia autonoma di Trento
Tutela donne vittime di violenza

Con l’espressione «violenza nei confronti delle donne» si intende designare una violazione dei diritti dell’uomo e una forma di discriminazione contro le donne, comprendente tutti gli atti di violenza fondati sul genere che provocano o sono suscettibili di provocare danni o sofferenze di natura fisica, sessuale, psicologica o economica, comprese le minacce di compiere tali atti, la coercizione o la privazione arbitraria della libertà, sia nella vita pubblica, che nella vita privata. (Convenzione di Istanbul, art.3).

La violenza può manifestarsi in molte forme diverse e caratterizzare ambiti differenti della vita di una donna: violenza fisica, violenza psicologica, violenza sessuale, molestie sessuali, violenza economica, violenza morale, stalking (comportamenti persecutori).

Nel marzo 2010 la Provincia Autonoma di Trento ha approvato un’apposita legge al fine di:

  • tutelare le donne da ogni forma di violenza fondata sull’identità di genere, siano esse italiane o straniere;
  • riconoscere il diritto ad un sostengo che consenta alle donne vittime di violenza di recuperare e rafforzare la propria autonomia, materiale e psicologica, la propria integrità fisica e la propria dignità, nel rispetto della personale riservatezza;
  • assicurare alle donne che subiscono violenza e ai loro figli minori un sostegno temporaneo al fine di ripristinare la propria integrità e di riconquistare la propria libertà, nel pieno rispetto della riservatezza e dell’anonimato;
  • promuovere iniziative per prevenire e contrastare la violenza contro le donne, anche mediante interventi coordinati fra istituzioni e soggetti del terzo settore presenti sul territorio.

Associazioni che si occupano di violenza sulle donne

Campagna "NON AVERE PAURA" (video)

Campagna sensibilizzazione violenza assistita.mp4 (3,34 MB)

Campagna contro la violenza sulle donne 2020

Accesso al Fondo di Solidarietà per le donne vittime di violenza

Il Fondo di Solidarietà per le donne vittime di violenza è previsto dall’articolo 7 della legge provinciale n. 6 del 2010 (Interventi per la prevenzione della violenza di genere e per la tutela delle donne che ne sono vittime)

Con tale strumento la Provincia autonoma di Trento intende sostenere le vittime di violenza attraverso l’anticipazione del risarcimento del danno morale riconosciuto con provvedimento dell’Autorità Giudiziaria.

L’anticipazione del risarcimento del danno morale è riconosciuta solo quando il risarcimento è stabilito dall’autorità giudiziaria in un importo almeno pari a 3.000,00€.

L’anticipazione è quantificata nella misura del 30% del risarcimento del danno morale riconosciuto, fino ad un massimo di 5.000,00€

Requisiti di accesso al fondo:

  1. residenza in provincia di Trento (sia al momento di presentazione della domanda sia al momento della commissione del reato;
  2. indicatore di condizione economica del nucleo familiare (ICEF) inferiore o uguale a 0,40. Il nucleo familiare viene definito escludendo il/i componente/i tenuti al risarcimento del danno.

Condizione di accesso al fondo:

Sussistenza di un titolo esecutivo fondato su un provvedimento dell’Autorità Giudiziaria, non antecedente al 1° gennaio 2015, di condanna al risarcimento del danno morale, quantificato anche in forma di provvisionale, per una fattispecie di reato contemplate dal comma 4-ter dell’articolo 76 del DPR 30 maggio 2002, n.115, e degli articoli 571, 575 nella forma tentata, 582 escluso il comma 2, 583, 584 nella forma tentata, 612 escluso il comma 1, del codice penale, consumato o tentato sul territorio italiano, di cui la persona richiedente è parte offesa.

Nel caso di uomini o minori maschi vittime di violenza, le fattispecie di reato devono rientrare nell’ambito della violenza domestica come definita dalla Convenzione di Istanbul.

La domanda di accesso al fondo può essere presentata presso l’Ufficio Innovazione e inclusione sociale, con sede in via Gilli, 4 a Trento (tel. 0461 493839) oppure presso gli sportelli di informazione e assistenza la pubblico della Provincia.

Per maggiori informazioni è possibile rivolgersi direttamente all’Ufficio Sviluppo e Innovazione tel. 0461 493839, mail. ufficio.innovazione@provincia.tn.it

A chi posso rivolgermi?

Per sapere a chi puoi rivolgerti per avere ulteriori informazioni e/o richiedere l'attivazione del servizio, seleziona sulla cartina o nel menù a tendina la tua zona di residenza e fai click sul pulsante "Cerca"

cartina comunita di valle Paganella Giudicarie Val di Sole Cembra Rovereto Trento Aldeno Rotaliana KonigsbergCimone Alto Garda e Ledro Vallagarina Garniga Valle dei Laghi Alta Valsugana e Bernstol Altopiani Cimbri Val di Non Valle di Fiemme Bassa Valsugana Primiero General de Fascia

(ultimo aggiornamento: 08/04/2020)

credits | copyright e policy Provincia autonoma di Trento - Servizio politiche sociali 38121 TRENTO (Italy) - Via Gilli, 4 - Centro Nord Tre - tel. +39 0461 493800 - fax 0461 +39 0461 3801 pec: serv.politichesociali@pec.provincia.tn.it C.F. e P.IVA 00337460224