salta navigazione

Trentino Sociale.it - I servizi sociali in Trentino
Provincia Autonoma di Trento
carattere » riduci carattere ripristina dimensione iniziale carattere aumenta carattere
Sei qui: Home > Servizi ai cittadini > Guida ai servizi > Adulti > Avere agevolazioni o supporto economico > Reddito di garanzia > Dettaglio sulle forme di accesso al reddito di garanzia

Dettaglio sulle forme di accesso al reddito di garanzia

Intervento a prima erogazione automatica e Intervento ad erogazione subordinata alla valutazione preventiva dei servizi sociali

REQUISITI GENERALI

ECCEZIONI ALLA RICERCA ATTIVA DI UN LAVORO

In presenza dei requisiti generali l'accesso all'intervento si ha sulla base di due modalità diverse a seconda di ulteriori condizioni presentate dal nucleo familiare

1) INTERVENTO A PRIMA EROGAZIONE AUTOMATICA

DESTINATARI

- nuclei familiari nei quali al momento della domanda è presente almeno un soggetto che:

- nuclei familiari composti esclusivamente da persone oltre i 60 anni, se donne e oltre i 65 anni, se uomini

MISURA DEL BENEFICIO ECONOMICO

la misura mensile dell’intervento di sostegno economico è data dalla trasformazione in reddito, diviso per 12, della differenza tra l’ICEF corrispondente all’ammontare del reddito di garanzia (0,13) e l’ICEF accertato del nucleo in sede di accesso, rapportato al numero di componenti il nucleo familiare in base alla scala di equivalenza utilizzata ai fini ICEF. A questo fine sono computati solo i componenti effettivamente residenti con il nucleo familiare; i componenti adulti sono inoltre computati solo se residenti in Trentino da almeno tre anni).

FORMULA: Reddito di garanzia mensile = [(0,13 – ICEF nucleo per accesso)*50.000*s.eq. nella quale i componenti adulti del nucleo sono conteggiati solo se aventi residenza in trentino da più di tre anni] / 12
ESEMPI:
- nucleo di due persone adulte (aventi entrambe residenza triennale) che ha ICEF 0,10 percepisce mensilmente € 195
- nucleo di due persone adulte (una sola delle quali ha residenza triennale) che ha in sede di accesso ICEF 0,10 percepisce mensilmente € 125
+ ulteriore somma a titolo di contributo sull’eventuale canone di locazione, se il nucleo familiare non è già beneficiario di provvidenze ex legge provinciale 15 del 2005 (alloggio pubblico o contributo integrativo al canone di locazione); la somma spettante a tale titolo è diversificata in base al numero di componenti il nucleo familiare (minimo € 205 / massimo € 405)

DURATA DELL’INTERVENTO
Mesi 4.

DECORRENZA DELL’INTERVENTO

L’intervento decorre dal mese successivo alla data di presentazione della domanda (trasmessa in via telematica a cura dei PATRONATI e degli sportelli periferici della Provincia).
L’erogazione è effettuata dall’APAPI in rate mensili.

RINNOVO DELL’INTERVENTO

Il rinnovo dell’intervento è subordinato alle seguenti condizioni:

Il rinnovo può avvenire al massimo tre volte nei due anni decorrenti dalla prima concessione (massimo 16 mesi su 24). Tale limite non sussiste nei seguenti casi:

2) INTERVENTO AD EROGAZIONE SUBORDINATA ALLA VALUTAZIONE PREVENTIVA DEI SERVIZI SOCIALI

DESTINATARI

- nuclei familiari che non hanno le condizioni che danno titolo all'erogazione automatica del reddito di garanzia;

- nuclei familiari che chiedono il rinnovo dell'intervento in deroga ai limiti temporali previsti per l'automatismo;

- nuclei familiari che, nel caso di incongruità della domanda, rifiutano l'imputazione dell'indicatore di condizione economica corrispondente alle spese derivanti dai consumi;

- nuclei familiari che risultano residenti senza fissa dimora.

Il Servizio Sociale valuta la situazione del nucleo familiare; se riscontra problematiche sociali complesse, ulteriori rispetto al solo bisogno economico, predispone un progetto sociale al quale il nucleo deve aderire per l'ottenimento del beneficio; in mancanza di problematiche sociali complesse il Servizio Sociale rinvia il nucleo all'automatismo rilasciando apposita attestazione.

MODALITA’ DI DETERMINAZIONE DEL BENEFICIO ECONOMICO

Uguale ai casi in cui è previsto l’automatismo attraverso l’APAPI, fatta salva la possibilità di escludere dal computo taluni componenti (ad esempio chi ha rifiutato un’offerta di lavoro)
NB: per gli utenti con difficoltà nella gestione del proprio patrimonio, esiste la possibilità di sostituire - totalmente o parzialmente- l’erogazione monetaria con forme alternative di sostegno economico (ad esempio l'apertura di credito presso negozi di generi alimentari)

DURATA DELL’INTERVENTO

Determinata nel progetto individualizzato e comunque non eccedente i 6 mesi per i soggetti idonei ad assumere/riassumere un ruolo lavorativo e i mesi 12 per i soggetti non idonei.

DECORRENZA DELL’INTERVENTO

L’intervento decorre dal mese successivo alla data di presentazione della domanda.
L’erogazione è effettuata mensilmente dall’ente gestore.

RINNOVO DELL’INTERVENTO

Il rinnovo dell’intervento è subordinato alle seguenti condizioni:

Il rinnovo non è subordinato a limiti temporali.

(ultimo aggiornamento: 19/12/2017)

credits | copyright e policy Provincia autonoma di Trento - Servizio politiche sociali 38121 TRENTO (Italy) - Via Gilli, 4 - Centro Nord Tre - tel. +39 0461 493800 - fax 0461 +39 0461 3801 pec: serv.politichesociali@pec.provincia.tn.it C.F. e P.IVA 00337460224